Biologia marina stage

Il progetto rivolto alle classi III, IV, V della scuola secondaria di II grado, nell’ambito dell’Alternanza Scuola Lavoro da svolgersi anche dopo la fine dell’anno scolastico.

FINALITÀ SPECIFICHE
– Affrontare il tema mare dal punto di vista scientifico-naturalistico e della “gestione della risorsa”.
– Stimolare il dibattito sulla fruizione sostenibile della risorsa marina per portare al coinvolgimento personale, dando valore ai piccoli cambiamenti nel quotidiano, che nascono dalla consapevolezza e portano innovazione anche nelle modalità di rapporto tra sé e gli altri.
– Offrire percorsi di educazione ambientale sulla salvaguardia della biodiversità strettamente legati al territorio.

OPERATIVITÀ e METODOLOGIA
L’esperienza diretta costituisce la modalità primaria con cui gli studenti apprendono,.
I ragazzi potranno sviluppare intuizioni e riflessioni sull’importanza del mare, delle sue caratteristiche fisiche, biologiche, ambientali, dei suoi cicli. Sarà data importanza anche alla storia del territorio in relazione alla risorsa mare.
Si affronterà il tema attraverso l’utilizzo di metodologie attive come l’esperienza diretta e quotidiana, la discussione, l’osservazione, la riflessione ed il confronto al fine di comprendere l’importanza del MARE, protagonista in senso naturale, paesaggistico ed economico del territorio del Litorale Romano.
Sarà approfondito il tema dell’importanza strategica delle aree marine protette in generale e delle Secche di Tor Paterno in particolare ai fini della conservazione della biodiversità.

L’attività consiste di 2 incontri, 1 ora e 30 minuti ciascuno, e 4 uscite, durata media 3 ore.
Contributo di circa 20 euro ad alunno, per un minimo di 20 alunni per gruppo, il contributo sale di 10 euro nel caso si scelga tra le attività quella di navigazione a vela.

Incontro introduttivo:
GLI OCEANI E IL MAR MEDITERRANEO – Gli ambienti, i movimenti (correnti, moto ondoso,maree), il Mar Mediterraneo, caratteristiche e biodiversità, la tropicalizzazione.

Immagine correlata
Incontro conclusivo:
LE SECCHE DI TOR PATERNO, LE DUNE COSTIERE- L’Area marina protetta a pochi km da Torvajanica, le principali regole per la sua tutela. L’origine della duna, la sua vegetazione ed il rapporto con l’uomo.

  • CONTENUTI GENERALI
    Le Secche di Tor Paterno e il sistema delle Aree Marine Protette
    Ecosistema marino e ecosistema terrestre: relazioni e connessioni
    Acqua di mare e acqua dolce
    La pesca e il consumo sostenibile del pescato.
    La nautica

    L’attività esterna sarà articolata con le possibili seguenti proposte di visita:
    Attività veliche sul litorale di Ostia, presso la Lega Navale e visita al Borghetto dei Pescatori,
    Esperienza di navigazione a vela in collaborazione con l’Associazione Sportiva TibiSail,
    Visita e/o laboratorio al Museo del mare di Santa Severa
    Dune di Castelporziano/Capocotta,
    Porto Canale di Fiumicino, incontro con i pescatori per analizzare il pescato e per capire le difficoltà del loro lavoro,  incontro con la Guardia Costiera.

Annunci