L’evoluzione delle piante

Laboratorio interattivo di 5 incontri da abbinare, facoltativamente, ad una visita all’Orto Botanico di Roma.

Viaggeremo attraverso il lungo e complesso processo che si è compiuto e che ha conosciuto un grande successo evolutivo. I discendenti si sono moltiplicati, diffusi nel globo e diversificati, in una numerosa progenie. Tra questi, alcuni hanno vinto la “battaglia” della Selezione Naturale e sono ancora oggi sotto i nostri occhi come fossili viventi. Partendo da cosa si differenziano gli organismi vegetali dagli organismi animali, attraverseremo il mondo delle tallofite (Alghe), da cui tutte le piante hanno avuto origine, fino a giungere alle cormofite, seguendo i “gradini evolutivi” dei muschi, Felci ed Equiseti fino ad arrivare alle piante a semi.

I incontro: La cellula vegetale; cos’è che rende unici i vegetali nel loro genere?
Le alghe; vegetali con una struttura molto semplice, che hanno svolto un ruolo fondamentale nell’accumulo dell’ossigeno in mare.

fungo

II incontro: Gli intrusi; i funghi. Nell’antichità vennero inseriti per errore tra i vegetali, ma la scoperta del microscopio li ha poi separati nettamente dagli eucarioti.  I licheni: un esempio vincente di cooperazione…

III incontro: Le prime cormofite, piante a “nozze nascoste”; i muschi, le felci e gli equiseti. Tra questi esemplari incontriamo importanti rappresentanti vissuti nel mondo Carbonifero e nell’era dei Dinosauri e che ancora oggi sono davanti ai nostri occhi.

feleci

IV incontro: Le spermatofite; entriamo nel mondo delle piante a seme con le Gymnosperme, tra i quali ritroviamo “fossili viventi” come il Ginkgo biloba ed alberi maestosi come le Sequoie.

V incontro: Le angiosperme; l’ultimo stadio evolutivo vegetale, rappresentato dalle piante a fiori. Qui l’evoluzione si è sbizzarrita creando fiori sempre più specializzati e attraenti. Anche noi ci sbizzarriamo a rispondere a simpatiche domande (Le piante fanno la cacca? Le piante si spostano? Le piante sono forti? e tanto altro).

Uscita didattica (facoltativa):
L’orto botanico di Roma è l’immancabile tappa del laboratorio sul processo evolutivo delle piante. Qui avremo la possibilità di ripercorrere gli step evolutivi che, a partire dalle forme più semplici e attraverso forme sempre più specializzate, hanno portato alle Angiosperme. L’orto botanico ci offre inoltre la possibilità di ammirare esemplari sopravvissuti ai Dinosauri, come il Ginkgo biloba e la Cycas.

Contributo per i cinque incontri 12,50 Euro ad alunno,
mentre per i cinque incontri con la visita guidata il contributo è 16,50 Euro.

Annunci