Castel Fusano di notte

Appuntamento ore 21.00 sede CEA

Contributo: 7 Euro adulti, 3 Euro ragazzi dagli 8 anni, numero limitato di posti.

Si parte dalla sede del CEA. L’itinerario ci permetterà di esplorare la pineta in attento ascolto dei richiami notturni degli uccelli, condotti da una guida esperta, assaporeremo la magia del bosco di notte.civetta

Gli uccelli “strigiformi” noti comunemente come rapaci notturni sono uccelli dal volo silenzioso, che ci guardano inosservati dal buio. I rapaci notturni sono da sempre i protagonisti di fiabe e leggende, e, purtroppo, anche di superstizioni che in molti casi hanno contribuito a rendere i rapporti con l’uomo molto difficili.

Avvicinandosi a loro con l’occhio del naturalista si scopre invece che si tratta di animali straordinari che nel corso dell’evoluzione hanno sviluppato adattamenti anatomici, fisiologici e comportamentali tali da poter scambiare il giorno con la notte.

Come tutti i predatori, i rapaci notturni svolgono un ruolo ecologico prezioso, tenendo sotto controllo le popolazioni di roditori e di altri piccoli animali potenzialmente invasivi, anche se devono fare i conti con una continua riduzione degli spazi naturali.

In Italia sono presenti dieci specie diverse di strigiformi, dalle piccole civette al grande gufo reale; nelle nostre zone è possibile trovare, oltre alla civetta, il barbagianni, l’allocco e l’assiolo e più raramente (nonostante il nome) il gufo comune.