La Necropoli di Porto

La Necropoli di Porto, Isola Sacra
Luogo di grande suggestione

Appuntamento:  Via di Monte Spinoncia 52, Isola Sacra.
Contributo: euro 5, gratuita under 18.

La zona compresa tra i rami naturale ed artificiale del Tevere è detta “isola sacra” poiché pare sia stata meta fin dall’età romana di pellegrinaggi verso il celebre tempio di Castore e Polluce. L’area costituisce la parte del territorio attraverso il quale avvenivano i collegamenti tra le città romane di Ostia e di Portus. Testimonianza di ciò sono la necropoli di Porto e il breve tratto di via Flavia – Severiana, il solo conservatosi, nel centro della necropoli. La necropoli, venuta alla luce nel 1925, è costituita da un insieme di tombe assai ben conservato perché sepolte dalla sabbia. Le iscrizioni e i rilievi in terracotta posti sulle facciate delle nicchie indicano i mestieri dei defunti: artigiani, bottegai, commercianti, marinai, attività legate al vicino porto. A poche centinaia di metri si trova la basilica di Sant’ Ippolito risalente alla fine del IV secolo d. C., testimonianza di un cospicuo nucleo di insediamento paleocristiano nella zona. Accanto ai ruderi dell’antica basilica si trova la torre campanaria del XII secolo, restaurata nel 1579. I cittadini di Porto potevano arrivare alla basilica attraversando un ponte sulla “fossa traianea”, attuale canale di Fiumicino.